In questo articolo vogliamo condividere con te una formula didattica – professionale per la prima memoria ex art. 171 – ter c.p.c.

Le tre memorie integrative coincidono, nella sostanza, con quelle precedentemente contemplate dall’art. 183, comma 6, c.p.c., ma devono essere depositate anteriormente alla prima udienza.

1. I termini

A seguito delle modifiche introdotte dalla riforma Cartabia (d.lgs. n. 149/2022), il thema decidendum e il thema probandum andranno definiti dalle parti in anticipo rispetto alla prima udienza, mediante il deposito delle tre memorie integrative di cui all’art. 171-ter c.p.c.

A differenza di quanto previsto in precedenza per le memorie di cui al previgente art. 183, comma 6, c.p.c., le memorie integrative possono essere ora depositate dalle parti senza necessità di richiesta al Giudice.

I termini per il loro deposito sono fissati rispettivamente in 40, 20 e 10 giorni prima dell’udienza di prima comparizione e trattazione di cui all’art. 183 c.p.c.

Nel dettaglio:

  • Memoria n.1
    almeno 40 giorni prima dell’udienza di cui all’articolo 183, proporre le domande e le eccezioni che sono conseguenza della domanda riconvenzionale o delle eccezioni proposte dal convenuto o dal terzo, nonché precisare o modificare le domande, eccezioni e conclusioni già proposte. Con la stessa memoria l’attore può chiedere di essere autorizzato a chiamare in causa un terzo, se l’esigenza è sorta a seguito delle difese svolte dal convenuto nella comparsa di risposta;
  • Memoria n.2
    almeno 20 giorni prima dell’udienza, replicare alle domande e alle eccezioni nuove o modificate dalle altre parti, proporre le eccezioni che sono conseguenza delle domande nuove da queste formulate nella memoria di cui al numero 1), nonché indicare i mezzi di prova ed effettuare le produzioni documentali;

  • Memoria n.3
    almeno 10 giorni prima dell’udienza, replicare alle eccezioni nuove e indicare la prova contraria.

2. Schema

Dall’analisi della normativa e della giurisprudenza richiamata possiamo schematizzare come segue:

  • Autorità giudiziaria competente: Tribunale del merito
  • Qualificazione atto: Memoria di precisazione
  • Normativa da richiamare: 171 – ter c.p.c.

  • Destinatario: Giudice Istruttore

  • Oggetto: precisazioni o modificazioni delle domande, delle eccezioni e delle conclusioni già proposte

  • Limiti temporali: 40 giorni prima dell’udienza
  • Limiti modificazioni: Inammissibili le domande che costituiscono mutatio libelli

3. Formula

Vogliamo offrire un modello quanto più chiaro e semplice possibile, che permetta di evidenziare tutti i contenuti essenziali dell’atto [con in più qualche piccola indicazione pratica sulla redazione].

Quindi, oltre a personalizzare il modello al tuo caso di specie, sentiti libero di modificarne lo stile, il tono e la forma.
Questa è solo una possibile “struttura”, con un intento didattico e professionale, tutto il resto spetta a te!

TRIBUNALE DI …

R.G.N. … – SEZ. … – G.I. dott. …

Memoria ex art. 171-ter c.p.c.

PER:
[Attore / Convenuto] …

Contro:
[Convenuto / Attore]

PREMESSO CHE

  • L’attore, con atto di citazione notificato in data gg/mm/aaaa , ha convenuto innanzi all’intestato Tribunale il Sig. …, affermando che … [riportare una sintesi delle argomentazioni] e per gli effetti chiedendo … [riportare le conclusioni];
  • Il convenuto, nel costituirsi in giudizio, affermava che … [riportare una sintesi delle argomentazioni];

Nel riportarsi al proprio atto introduttivo si precisa quanto segue:

  1. [proporre le domande / eccezioni che sono conseguenza delle domande riconvenzionali e delle eccezioni proposte dal convenuto / del terzo]:
    • Sulla questione X … [Indicare le singole ragioni di Diritto: normativa, giurisprudenza, argomentazioni];
    • …;
  2. [precisare / modificare le domande, le eccezioni e le conclusioni già proposte]:
    • Sulla questione Y … ;
  3. [chiedere di essere autorizzato a chiamare in causa un terzo, a seguito delle difese svolte dal convenuto della comparsa di risposta].

Per tutto quanto sopra esposto, [Attore / Convenuto] … così rappresentato e difeso come in atti, precisa / modifica le seguenti

CONCLUSIONI

Voglia l’Ill.mo Tribunale adito, respinta ogni contraria domanda, istanza ed eccezione,

  1. In via principale:
    • Accertare e dichiarare …
    • conseguentemente condannare …
  2. In via subordinata: …
  3. in via riconvenzionale: … [possibile in caso di memoria del convenuto]

Con vittoria di competenze, spese ed onorari del presente giudizio.

… [luogo], lì … [data]

Avv. Efficace

  • Indice Dei Contenuti

  • Esame Avvocato 2023

In collaborazione con “EAM”, il nuovo Percorso intensivo interamente dedicato alla redazione degli atti.

  • Accedi al gruppo Facebook dedicato

Ti è stato utile questo contenuto? Condividilo!

  • Speciale: Esame Avvocato 2023

In collaborazione con “EAM”, il nuovo Percorso interamente dedicato alla redazione degli atti.
Scopri ed accedi subito al gruppo FB dedicato (link nella pagina).

Mi auguro che questo post ti sia utile e ti ricordo che ogni articolo – grazie anche alla collaborazione dei lettori – viene costantemente aggiornato e approfondito nel tempo al fine di offrire una guida quanto più completa ed esaustiva possibile.

La tua opinione conta. Miglioriamo insieme il Progetto.
Hai opinioni, pareri, correzioni da condividere su questo argomento?
Faccelo sapere! Il nostro obiettivo è offrire i migliori contenuti possibili.
Apprezziamo qualsiasi
feedback ben argomentato.